La via dell’acqua

La via dell’acqua

Un percorso fra campagne, boschi, sentieri e passerelle seguendo lo scorrere del torrente Veses

Consigliate scarpe adatte al trekking.

La via dell’acqua è un itinerario che risale il corso del torrente Veses, partendo dal Piave.

 
Un sentiero per capire meglio la fondamentale importanza dell’acqua: elemento essenziale per la vita, fattore di sviluppo economico, forza che modella il paesaggio.

Lungo il percorso si possono osservare le tracce lasciate dal fluire dell’acqua (dalle glaciazioni ai giorni nostri), e i manufatti creati dall’uomo per sfruttare l’energia idraulica. La via dell’acqua è un suggestivo percorso che si snoda fra campagne, boschi, sentieri e passerelle seguendo lo scorrere del fiume Veses.
L’itinerario parte dall’antico mulino di Santa Libera a Salzan per poi attraversare suggestivi boschi fino alla centralina idroelettrica e all’ostello Altanon, ai piedi del monte Pizzocco.

Un tratto è incluso anche nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi e parte dall’ostello Altanon per addentrarsi nella selvaggia Val Scura, ai piedi del monte Pizzocco, congiungendosi con l’itinerario Chiesette pedemontane.

INFORMAZIONI UTILI:

Parcheggio: Molino di Santa Libera (Santa Giustina – BL)

Distanza: 5,8 km

Dislivello: 200m

Tempo di percorrenza: 1h45min

Ci si trova in un ambiente naturale che esige rispetto:

  • Divieto di raccolta di fiori
  • Divieto di balneazione
  • No agli schiamazzi
  • Divieto di accensione fuochi
  • Non lasciare in giro rifiuti, ma gettali negli appositi spazi (anche i mozziconi di sigarette, i fazzolettini, le mascherine e il rifiuto umido)
  • I minori devono essere accompagnati
  • I cani devono essere tenuti al guinzaglio e le loro deiezioni raccolte
  • Non uscire dal sentiero
  • Non disturbare la fauna locale

Si suggerisce di informarsi tramite il sito dell’ARPAV su eventuali perturbazioni prima di intraprendere il percorso.

Facile

Scarica tracciato

Eventi in zona

Ospitalità