In onore dei combattenti morti per la Patria nelle battaglie del Monte, nel primo dopoguerra viene eretto il Sacrario.
Inaugurato il 23 Settembre 1935 con una cerimonia alla presenza del re Vittorio Emanuele III, il progetto fu realizzato dall’architetto Giovanni Greppi e dello scultore Giannino Castiglioni, gli stessi cui si deve la realizzazione del Sacrario di Redipuglia.
Il Sacrario ospita le spoglie di 12.615 caduti italiani, i cui loculi sono collocati nei muraglioni di una costruzione simile ad un gigantesco fortilizio, realizzato con la pietra del Grappa.
Da un’ala del monumento, un’ampia scalinata conduce al sacello eretto in onore della Madonnina del Grappa, da dove ha inizio la “Via Eroica”.
Oltre il Sacrario è possibile visitare la Caserma Milano, che oggi ospita un museo che raccoglie numerosi reperti recuperati sul massiccio del Grappa, e la galleria “Vittorio Emanuele III”.