Un piccolo scrigno di fede, commissionato e realizzato dalla famiglia Buzzati come Oratorio privato, ma successivamente aperto a tutti i fedeli, che mantiene ancora intatta la sua bellezza.
Realizzato nei primi anni del ‘500, la sua struttura architettonica è molto semplice, al suo interno l’ambiente è molto raccolto e suggestivo, caratterizzato dal grande fascino degli arredi lignei. Incantevole è il trittico di Giovanni Agostino da Lodi che troviamo nell’abside dietro l’altare, ancora inserito nell’altare ligneo di Vittore Scienza.