Archivi

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Dicembre con l’associazione Rheticus

2 Dicembre 2023 @ 0:00

Urano: il pianeta, gli anelli, le lune

In teoria si sa che i pianeti visibili a occhio nudo sono cinque: Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno. In effetti, però, anche Urano lo è: il limite per la visibilità a occhio nudo, per viste normali, è la 6, e Urano è sempre al di sopra di questo valore (tecnicamente, al di sotto, perché il numero che esprime la magnitudine è inversamente proporzionale alla luminosità). Nei decenni scorsi, però, il pianeta era sempre basso sull’orizzonte, e quindi visibile in un cielo molto inquinato dalle luci della Pianura Padana, che ne impediva la visione. Negli ultimi anni, invece, si è molto alzato, tanto che non saranno pochi i visitatori che potranno scorgerlo a occhio nudo.

 Questa è la prima sfida che avrà luogo in questa serata, se il tempo lo permetterà. La seconda, molto più facile, e sempre consentita dalla grande altezza sull’orizzonte, sarà quella di vedere il
pianeta non come un punto di luce, ma come un disco percepibile, anche se di non grandi dimensioni. La terza, che vedrà impegnato il più grande telescopio del Centro, il Dobson da 64 cm, consisterà nel riuscire a percepire il bagliore dei suoi satelliti principali.
L’osservazione nella prima parte della serata potrà consentire di osservare anche qualche oggetto di profondo cielo, come le Pleiadi, l’ammasso doppio di Perseo, la Galassia di Andromeda. Poi, con lo schiarirsi del cielo per il sorgere della Luna, che farà capolino verso le 21:45, l’osservazione potrà continuare con la Luna stessa, e i pianeti Saturno, con i suoi anelli, e Giove, con le sue lune, e le stelle doppie contrastate.

Poi avverrà luogo la conferenza al planetario, che farà il punto sulle conoscenze che possediamo del sistema di Urano, grazie al lavoro dell’unica sonda che lo ha visitato, il Voyager 2, nell’ormai lontano 1986, del telescopio spaziale Hubble, e di recente, del telescopio spaziale Webb.
Nel caso di maltempo, si svolgerà prima la conferenza, e dopo avrà luogo la dimostrazione al planetario del cielo della stagione, con la proiezione di filmati a tutta cupola.

Ingresso 5 €, gratuito per soci e bambini fino a 11 anni.

La prenotazione non è necessaria. Si raccomanda la puntualità.

Dettagli

Data:
2 Dicembre 2023
Ora:
0:00
Tag Evento:

Organizzatore

Urano: il pianeta, gli anelli, le lune

In teoria si sa che i pianeti visibili a occhio nudo sono cinque: Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno. In effetti, però, anche Urano lo è: il limite per la visibilità a occhio nudo, per viste normali, è la 6, e Urano è sempre al di sopra di questo valore (tecnicamente, al di sotto, perché il numero che esprime la magnitudine è inversamente proporzionale alla luminosità). Nei decenni scorsi, però, il pianeta era sempre basso sull’orizzonte, e quindi visibile in un cielo molto inquinato dalle luci della Pianura Padana, che ne impediva la visione. Negli ultimi anni, invece, si è molto alzato, tanto che non saranno pochi i visitatori che potranno scorgerlo a occhio nudo.

 Questa è la prima sfida che avrà luogo in questa serata, se il tempo lo permetterà. La seconda, molto più facile, e sempre consentita dalla grande altezza sull’orizzonte, sarà quella di vedere il
pianeta non come un punto di luce, ma come un disco percepibile, anche se di non grandi dimensioni. La terza, che vedrà impegnato il più grande telescopio del Centro, il Dobson da 64 cm, consisterà nel riuscire a percepire il bagliore dei suoi satelliti principali.
L’osservazione nella prima parte della serata potrà consentire di osservare anche qualche oggetto di profondo cielo, come le Pleiadi, l’ammasso doppio di Perseo, la Galassia di Andromeda. Poi, con lo schiarirsi del cielo per il sorgere della Luna, che farà capolino verso le 21:45, l’osservazione potrà continuare con la Luna stessa, e i pianeti Saturno, con i suoi anelli, e Giove, con le sue lune, e le stelle doppie contrastate.

Poi avverrà luogo la conferenza al planetario, che farà il punto sulle conoscenze che possediamo del sistema di Urano, grazie al lavoro dell’unica sonda che lo ha visitato, il Voyager 2, nell’ormai lontano 1986, del telescopio spaziale Hubble, e di recente, del telescopio spaziale Webb.
Nel caso di maltempo, si svolgerà prima la conferenza, e dopo avrà luogo la dimostrazione al planetario del cielo della stagione, con la proiezione di filmati a tutta cupola.

Ingresso 5 €, gratuito per soci e bambini fino a 11 anni.

La prenotazione non è necessaria. Si raccomanda la puntualità.

Dettagli

Data:
2 Dicembre 2023
Ora:
0:00
Tag Evento:

Organizzatore